Breaking News: Brian May sta bene e lavora al nuovo album dei Queen

Da qualche giorno, concluse le vacanze natalizie e i festeggiamenti per il Capodanno, Brian May è sparito dal web! Come sapete la stampa ha diffuso le notizie, spesso con toni drammatici, di una presunta malattia del Doc, con tanto di ricovero e “battaglia contro il cancro”! In queste settimane ho cercato di raccontare la verità attraverso le parole dello stesso Brian che attraverso twitter e la soapbox ha spiegato che i test fatti avevano dato un buon esito e che la situazione era meno grave del previsto. Soprattutto il chitarrista ha voluto sottolineare che diffondere la notizia su questi “accertamenti medici” serviva soprattutto a stimolare tutti coloro che magari col cancro devono averci a che fare sul serio e, magari per paura, non riescono ad affrontare le trafile mediche e in generale la sofferenza anche psicologica che ne deriva. Insomma, Brian ha cercato come sempre di proporre al pubblico il suo lato più umano. Operazione riuscita per i fans, salvo quei pochi che non hanno voluto capire la situazione. E, come c'era da aspettarsi, salvo per la stampa che ha tentato in ogni modo di cavalcare il “dramma”.

Oggi però Brian è tornato a parlare ed ecco le sue parole:

“Sono consapevole del fatto di essere rimasto in silenzio, ma quando le cose si fanno davvero intense è difficile trovare il tempo o l'energia per stare in piedi a scrivere sulla mia soapbox o su twitter. Anch'io sono rimasto un po' scioccato da tutta l'attenzione che i media hanno riservato a quanto ho scritto a proposito della mia salute. Improvvisamente mi sono reso conto di quanto disagio si prova ad essere sempre sotto l'attenzione per questo genere di cose. E non sono nemmeno riuscito a rispondere a tutti, vista la mole di messaggi giunti da chi ha manifestato la propria preoccupazione per me. E' stato travolgente, e mi spiace non essere riuscito ancora a rispondere a tutti. Per cui vi chiedo scusa. A questo punto sento il bisogno di darvi qualche aggiornamento e mi conforta il pensiero che ciò che ho da dirvi è probabilmente una buona notizia, anche se questa si diffonderà meno rapidamente rispetto a una cattiva! Mi è stato comunque consigliato di non dire nulla di più fino a quando la questione non sarà del tutto chiara, ma sembra che potrà essere una buona notizia. Davvero non voglio angosciarvi con i dettagli, in fondo sono ancora nella fase della diagnosi, ma spero non per molto tempo. In pratica tutte le analisi che ho fatto finora hanno dato buoni esiti, e così la maggior parte dei mali che erano nel ventaglio delle possibilità sono state escluse. I test hanno riguardato la colonna vertebrale ma anche la prostata, per la quale ho scelto di fare una biopsia onde evitare di restare per mesi nel dubbio che vi fosse qualche formazione problematica. I risultati arriveranno la prossima settimana, dopodiché le cose dovrebbero auspicabilmente essere molto più chiare. Non mandatemi quindi altri messaggi fino a quel momento....OK?

Stasera sono seduto sul mio divano preferito e rifletto su quanta importanza abbia la prostata, senza la quale nessuno di noi esisterebbe, essendo fondamentale per la riproduzione. Ma sono felice di sottolineare per tutti coloro là fuori che sono preoccupati per me che la situazione non è così spaventosa come si potrebbe pensare. La medicina fa progressi molto velocemente, e i medici sono molto più capaci rispetto a un tempo.

Infine, nel complesso la notizia è che in tutto il mondo la prostata non è un grosso problema. Mi hanno detto che oltre il 90 per cento degli uomini ha delle cellule tumorali nella propria prostata, ma solo il due per cento in realtà muore a causa di questa patologia. E in questa piccola percentuale ci sono coloro che non la curano in tempo. Il mio consiglio a chiunque ha dubbi è di non essere timido e di andare dal proprio medico di famiglia il prima possibile. Ci si può salvare la vita .

Beh, nel frattempo sto lavorando sull'ascolto dei nastri dei Queen, sto spazzolando via la polvere ed è sorprendente quanto lucido vi sia sono sotto dopo un po' di lucidatura! Ma durante il fine settimana lavorerò da casa su un nuovo grande progetto stereoscopico, un libro con la Tate Gallery. Presto vi dirò di più.”

A questo punto non ci resta davvero che aspettare le tante novità e tenere lontane le notizie drammatiche diffuse dalla stampa che, come si vede, sono destituite di fondamento! Evviva Brian May...evviva i Queen!



@Last_Horizon

Commenti