Tra un mese inizia l’Asteroid Day, l’evento voluto da Brian May e riconosciuto dall’ONU

 

Mancano esattamente trenta giorni all’Asteroid Day, l’evento mondiale e ormai riconosciuto anche dalle Nazioni Unite creato per sensibilizzare l’opinione pubblica, il mondo politico e quello scientifico rispetto alla necessità di studiare il fenomeno degli asteroidi e prevenirne l’eventuale impatto con il nostro pianeta. Tra i principali promotori anche Briay May.


L’idea che un asteroide possa colpire la Terra ricorda certamente tanti libri e film di fantascienza. Eppure questo è uno di quei casi in cui il cinema e la letteratura fantastica hanno attinto a piene mani dalla realtà pressoché quotidiana. Il nostro pianeta, infatti, è costantemente “bombardato” da oggetti provenienti dallo spazio profondo che per fortuna, stante le loro ridotte dimensioni, si disintegrano al contatto con l’atmosfera del pianeta. Ma cosa accade se a colpirci è un oggetto ben più grande di un sasso?

La risposta, quella più eclatante, l’abbiamo appresa dai libri di storia nei capitoli che raccontano l’estinzione dei dinosauri. Fu a causa dell’impatto con una cometa, infatti, che i dinosauri scomparvero dalla Terra.

Ma di eventi catastrofici più recenti sono piene le cronache di tutto il mondo. Su tutti il cosiddetto “incidente” di Tunguska. Si tratta di una zona (per fortuna scarsamente popolata) della Siberia in cui, agli inizi del 1900, un asteroide si schiantò provocando danni equiparabili a quelli generati dall’esplosione di 1000 bombe atomiche come quella sganciata su Hiroshima. E se questa cifra non vi impressiona, pensate che la devastazione fu tale che vennero spazzati via 80 milioni di alberi distribuiti su un’area di circa 2000 km quadrati.

L’ovvio domanda su cui ci si sofferma è la seguente: cosa sarebbe accaduto se la meteora di Tunguska fosse precipitata su una città come Roma, Londra o New York? Probabilmente oggi staremmo parlando di una vera e propria apocalisse.

Ecco perché una lunga schiera di scienziati, tra cui Stephen Hawking e Brian May (solo per citarne due tra i più noti) hanno deciso di dedicare tempo ed energie alla creazione dell’Asteroid Day. Lo scopo è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica e spingere la politica ad assumere provvedimenti, volti all'individuazione preventiva degli oggetti potenzialmente pericolosi e approntare le misure necessarie per impedirne l'impatto con la Terra.

 Partito in sordina, oggi può essere considerato un vero e proprio evento mondiale, che unisce idealmente le comunità scientifiche sparse sul globo, ma anche la gente comune, il tutto sotto l’egida dell’ONU che all’Asteroid Day ha conferito un crisma di ufficialità che ne sottolinea ulteriormente l’importanza.

Naturalmente, per noi fan dei Queen, è emozionante e interessante sapere che Brian May è stato ed è tuttora uno dei principali fautori di questa iniziativa, cui offre la propria visibilità di artista di fama leggendaria, ma anche le proprie competenze di astrofisico.

Trattandosi di un evento globale, il 30 Giugno saranno moltissime le iniziative legate all’Asteroid Day che potranno essere seguite sia in rete che fisicamente presso le location dove addetti ai lavori stanno predisponendo degli incontri a tema.

Al momento per l’Italia si contano tre eventi:

il primo è organizzato dal Virtual Telescope Project, il cui coordinatore Dott. Giancarlo Masi offrirà una sessione osservativa in streaming con commento dal vivo e con la parteciperanno numerosi ospiti. Ulteriori informazioni potete trovarle sul sito ufficiale: CLICCA QUI 

il sito dell’Asteroid Day poi indica altri due eventi da segnalare: il primo organizzato dalla Dott.ssa Sabrina Rossi dell’Osservatorio Copernico di Santa Maria del Monte (RN), il secondo organizzato presso l’Osservatorio di San Marcello Pistoiese (PT) a cura del Dott. Paolo Bacci. Per maggiori informazioni consultate la pagina eventi dell’Asteroid Day: CLICCA QUI 

Per un quadro più completo di tutte le iniziative: ASTEROID DAY OFFICIAL SITE

Il riconoscimento dell'Asteroid Day parte dell'ONU: LEGGI L'ARTICOLO





Commenti