Queen+Adam Lambert: I profilo tecnici della produzione del tour

Spiega Gary Stokes, uno degli ingegneri che lavora attualmente al tour della band: “I Queen+Adam Lambert sono una rock band della vecchia scuola, quindi non si può fare tutto semplicemente con una console digitale e contare su questo per lavorare ogni notte ai loro concerti. Non suonano allo stesso modo ogni notte e quindi i livelli del suono vanno regolati tutte le volte”. Durante questo tour dei Queen+Adam Lambert c'è davvero un sacco di lavoro da fare, ma nessuno si lamenta. C'è stata un'ampia fase di preparazione per la Global Sound Clair e per l'intero staff tecnico. La parte nordamericana del tour da tutto esaurito ha preso il via 19 giugno a Chicago presso lo United Center e si è conclusa all'Air Canada Centre di Toronto il 27 luglio, con diversi spettacoli supplementari aggiunti lungo la strada per stare al passo con le numerose richieste giunte dai fans e le recensioni entusiastiche. Chiamato a fronteggiare il duro confronto col grande e compianto Freddie Mercury è Adam Lambert, che si è unito al chitarrista Brian May e al batterista Roger Taylor, supportati dal vivo dal bassista Neil Fairclough, il tastierista Spike Edneye il figlio di Taylor, Rufus Tiger Taylor, alle percussioni. Sul fronte tecnico, la band si è avvalsa dei servigi di Robert Collins, Kerry Lewis (monitor per la band), Gary Stokes (monitor per Adam Lambert) e l'ingegnere David Coyle. Quest'ultimo ha dichiarato che ha dovuto affrontare la più grande mole di lavoro che gli sia mai capitata per allestire un concerto: "Stiamo portando in giro la struttura del palco suddivisa in 36 spicchi che, una volta montati, riempiono tre lati. E' davvero enorme. C'è un camion pieno di materiale solo per il palco. L'obiettivo è quello di avere il suono migliore del mondo. Per riuscirci abbiamo messo assieme tecnologia moderna ma anche vecchi rack analogici, tra cui dbx 160 compressor/limiter e un Klark Teknik DN 360 EQ. La grande novità sono i trasmettitori senza fili Shure Axient abbinati a una capsula Heil PR-35, usato da Lambert”.



Per i piatti di Roger Taylor si è invece deciso che non fosse possibile microfonare la sua batteria con dei bracci basculanti, perché questi avrebbero impedito la visione dello schermo gigante, soprattutto quando la grande Q viene calata verso il basso. Così si è deciso di microfonare tutto dal basso. Spiega ancora Coyle: "Non potevamo fare un microfonaggio standard, e la situazione non era ideale, ma abbiamo lavorato con diversi microfoni e abbiamo finito con l'utilizzare una combinazione di DPA e microfoni Audix, con alcune clip personalizzate. Abbiamo fatto un sacco di esperimenti e alla fine usare cose diverse dal solito non è male. Gli amplificatori del chitarrista Brian May sono stati creati utilizzando (di nuovo, vecchia scuola) dei Sennheiser 421, posto a sinistra, a destra e al centro.

Che ha visto lo spettacolo sa che Adam Lambert sta facendo un lavoro vocalmente stellare. Quando suona la sua musica, Adam preferisce avere un palcoscenico silenzioso, senza casse attorno e anche la batteria della sua band è più imbottita. Ma con i Queen? "E' stata una buona decisione scegliere Adam", dice Gary Stokes, che gestisce gli aspetti tecnici per il frontman. "E' un cantante incredibile e ha una gamma incredibile. Si sentono sottili dettagli in più rispetto ai cantanti nella media e, di conseguenza, ha esigenze più specifiche. Non c'è un mix statico che ti fa stare comodo durante lo spettacolo o anche per un intero brano. Quando canta le note più alte, è necessario guidare un fader o equalizzatore, per esempio". Stokes è particolarmente sensibile a come il suo mix per cantanti può causare una reazione fisica sul palco. "Per esempio, troppa compressione porta alcuni cantanti a spostare il microfono lontano da loro, provocando un altro problema in cui è necessario ancora di più la compressione", spiega. "Nel caso di Adam, è tutto molto sottile. Quando lui dice che vuole la sua brillante voce, lui vuole solo una mezza dB in più". Un'altra sfida viene dal dinamismo che Lambert ha sul palco: "Gli piace lavorare la folla e coinvolgerla”. La chiave per creare il livello di eccitazione che vuole è avere un mix emozionante. Adam è molto sensibile e non vuole che il suo mix sia troppo forte. In più corre per tutto il palco e io non posso prevedere dove sta andando e questo è un po' pericoloso, perché c'è da battagliare per fare in modo che la sua voce resti nei giusti livelli nonostante il frastuono del pubblico”. Stokes rende tutto possibile con un PRO9 Midas: "Trovo che la console sia uno strumento più organico di una scheda digitale, e e ottengo più in fretta ciò che voglio. Io vengo dal vecchio mondo analogico Per il riverbero uso invece un TC Reverb elettronico 4000. E' un riverbero molto affidabile e rapido, adatto ai continui cambi da un brano all'altro. Un altro strumento che sta usando per Lambert è il D2 della UTA, con un XTA DPA324”.
Dal punto di vista audio, vi è una parte molto "pericolosa" dello spettacolo in Bohemian Rhapsody a causa del duetto tra Adam e il video di Freddie: "Non usiamo basi per nient'altro", dice Coyle. "Abbiamo fatto un sacco di prove. E' stato difficile e abbiamo dovuto trasferire in digitale la voce di Freddie per ottimizzare il tutto nella resa dal vivo".

Audio Crew:
Sound Co: Clair Global
FOH Engineer: Robert Collins
Monitor Engineer: Kerry Lewis (band)
Monitor Engineer: Gary Stokes (Adam)
System Engineer: David Coyle.

P.A. Gear
Main Hang: (28) Clair i-5 3-way line arrays
Side Hang: (16) Clair i-5 3-way line arrays
Subwoofers: (12) Clair BT-218 double-18 boxes
Front Fill: (8) Clair i-3 140-degree wide-throw systems
Pit Fill: (2) Clair p-2 2-way boxes
House Amplification: Lab.gruppen PLM-20000 (12 amp racks)

FOH Gear
Console: DiGiCo SD7 with three SD-Racks
Outboard: (2) Summit TLA100A tube compressors (Adam vocals); (4) dbx 160SL compressors (band vocals); TC Electronic System 6000 for vocals; onboard DiGiCo effects for instruments.
Playback: 82 channels of Avid Pro Tools PT10-HD for “Rhapsody” archive.

Monitor Gear
Console: DiGiCo SD7 with three SD-Racks (Queen)
Console: Midas PRO9 (Adam)
Outboard: TC Electronic Reverb 4000; UTA D2; XTA DPA324 de-esser.
IEM Earpiece (Adam): JH Audio JH16
In-Ear Hardware: Shure PSM1000’s
Wedges: (36) Clair SRM wedges
Sidefills: (3) Clair R4’s 3-way full range
Monitor Amplification: Lab.gruppen PLM-20000’s

(Fonte http://tinyurl.com/pmm4z69 | Photo Credit ©Steve Jennings)

@Last_Horizon


Commenti