Intervista a Peter Freestone sui duetti tra Freddie Mercury e Michael Jackson per Radio Prague del 7 Febbraio 2014

Per 12 anni Peter Freestone è stato l'assistente personale e amico di Freddie Mercury ed era con lui anche quando il cantante dei Queen è morto nel 1991. Dall'inizio del Duemila Freestone si è trasferito nella Repubblica ceca e lo abbiamo contattato questa settimana dopo che è stato confermato che i Queen pubblicheranno le tre tracce registrate da Freddie con Michael Jackson, nastri realizzati alla presenza proprio di Freestone. Ma prima di arrivare a questo, ho anche chiesto a Peter del suo lavoro precedente:
"Fondamentalmente ero impegnato 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana. Il mio compito era solo di essere lì per Freddie, di prendermi cura di lui."

Era divertente lavorare a stretto contatto con una stella del genere?
"Penso che il modo più semplice rispondere sia dire di si, era un lavoro, con tanto di guadagno ovviamente, ma in realtà mi ha concesso l'opportunità di vivere la vita di Freddie. E' stato incredibile. Ma ho davvero lavorato duramente. Ho fatto la spesa e sono andato alle aste per lui e, si sa, quella era la parte facile del lavoro.”

Ho letto che Freddie Mercury, come molte stelle, era una persona diversa lontana dal palco, e che era uno che apprezzava intensamente la propria privacy. È vero?
"Sì, molto. Anche quando invitava gli amici a Garden Lodge, la sua casa, gli ospiti sapevano che avrebbe interpretato il ruolo dell'intrattenitore. Poteva essere davvero se stesso solo quando c'erano quattro o cinque delle persone che sentiva più vicine. Ovviamente quando usciva da casa diventava ciò che il pubblico si aspettava da lui. Indossava una t-shirt, la giacca di pelle, i jeans, le scarpe da ginnastica e gli occhiali da sole e così diventava quello che ci si aspettava da lui."

Il Times e Rolling Stone hanno catturato l'attenzione dei fans questa settimana confermando che tre canzoni perdute registrate da Freddie 30 anni fa con Michael Jackson saranno pubblicate entro la fine dell'anno. Almeno una versione di una delle canzoni è già nota, mentre un'altra, intitolata Victory, non è stata mai sentita da nessuno. Ti sei mai chiesto come mai, essendo stato presente al momento della loro registrazione, queste canzoni non siano mai state rese pubbliche fino ad ora?
“Perché erano di proprietà di Michael e sono state registrate nel suo studio casalingo e quindi non mi aspettavo che avrebbero visto la luce del giorno. Ma sono molto contento che ciò accadrò. Due dei brani hanno avuto vari trattamenti da parte dei fans nel corso degli anni. State of Shock e There Must Be More to Life Than This sono entrambe state pubblicate anche se in forme forme diverse e quindi erano a disposizione di tutti. Una è finita sull'album dei Jacksons e una su quello solista di Freddie, ma la terza, Victory, è qualcosa che non è mai stata ascoltata prima. Ho ancora alcuni ricordi perché ero lì quando è stata registrata in studio. In realtà sul nastro originale, e non so se questo esiste ancora, ho suonato la grancassa. Solo che non è una grancassa: quella che si sente è la porta del bagno! Ho dovuto stare lì per cinque minuti e sbattere a tempo la porta del bagno! Quindi, sai, penso che sarà qualcosa che farà divertire le persone di godere, dovrebbe essere molto interessante."

Speriamo che sia rimasta incisa sul nastro!
"Spero di sì!" (ride)

Pensi che la pubblicazione della terza canzone potrebbe causare sensazione?
"Lo spero davvero. Naturalmente anche le altre due tracce riceveranno un trattamento diverso ora che i Queen sono coinvolti nella produzione. Sono sicuro che stanno prestando attenzione alla voce di Freddie e alla produzione di tutto il materiale. Sono dei perfezionisti e tutto deve essere perfetto. Ma credo che ne sarà valsa la pena aspettare."

Da dove è nato l'impulso per Freddie e Michal di lavorare insieme?
"La prima volta che ne ho sentito parlare è stata quando Michael è venuto ad uno spettacolo dei Queen al Forum di Los Angeles. Mi ricordo che parlava in un angolo con Freddie e John. Successivamente Freddie ha detto 'Eh! Michael dice che dovremmo fare qualcosa insieme perché ama ciò che ha sentito! Aveva ascoltato Another One Bites The Dust e ne aveva amato tutta l'atmosfera. Così Freddie disse 'che vuole incontrarci per registrare si può fare. Ah, ma non succederà mai, sono solo parole!'. Mesi dopo è arrivata una telefonata da Michael, perché aveva sentito che Freddie era a Los Angeles e così lo invitò a casa sua."

So che non fu un incontro proprio perfetto...
(ride)"So a che cosa ti riferisci. Beh, Michael se vi ricordate in quel momento nella sua casa a Encino aveva questo mini-zoo e i suoi animali preferiti al momento erano i lama. Dato che era estate a Los Angeles Freddie indossava una t-shirt bianca, jeans bianchi, scarpe da ginnastica bianche e dopo il giro nella tenuta si era ritrovato sporco di fango e pieno di schizzi. Michael inoltre ci ha portati in casa e nella sua camera da letto c'era una cosa così divertente: aveva un grande terrario con un grande serpente dentro. Per Michael era un grande amico e non abbiamo potuto fare a meno di notare che c'erano una quarantina di mattoni che mantenevano il coperchio del terrario ben chiuso, per assicurarsi che il serpente non potesse uscire!"

Questa è carina!
"Sì, è incredibile quello che può essere raccontato e tutti i piccoli fatti che ci sono dentro questa storia!"

Parliamo delle registrazioni: quando sono state fatte? in più giorni?
"No nello stesso giorno. Entrambi erano molto impegnati nel 1983 tra tour e dischi da incidere. Michael voleva Freddie per terminare State Of shock perché voleva inserirla nell'album dei Jacksons. Ma Freddie aveva poco tempo e non furono in grado di terminarla. Così Michael ha suggerito il nome di Mick Jagger per completarla e Freddie ha detto che quella era la sua musica e quindi non si è opposto alla decisione. Per motivi di tempo i due non erano in grado di mettere assieme del materiale nuovo."

In che modo le due voci messe assieme colpiscono? È forse perché si completano a vicenda?
"Credo perché erano così diverse e questo le faceva funzionare molto bene assieme. Se entrambi avessero avuto delle voci potenti, sarebbe sembrata quasi una sorta di gara. Hai usato la parola giusta: complemento. Le due voci funzionano molto bene insieme ed è come una conversazione.”

Sei stato con Freddie fino alla sua morte nel 1991. Volevo chiederti come è cambiata la tua vita dopo che alla fine sei finito qui nella Repubblica Ceca.
“Sono qui ormai da12 anni. Sì, la mia vita è cambiata dopo che Freddie è morto, ma se si pensa che di Freddie continuo a parlare dopo così tanto tempo è come se, pur non essendoci più fisicamente, la sua immagine, la voce e la sua personalità sono sopravvissuti. Era una persona unica e incredibile e ha scritto grande musica e c'è ancora un sacco di interesse attorno a lui e molte persone della nuova generazione mi chiedono tante cose di lui. Io faccio quello che posso per loro. Voglio dire, sono ancora coinvolto nella musica qui nella Repubblica Ceca, sono coinvolto in una cosa chiamata Rock Camp per i bambini di età compresa tra gli 11 e i 17 anni e ci riuniamo e facciamo musica, il che è incredibile. Sono anche coinvolto con un musicista ceco che ha una band e che mi ha convinto per la prima volta nella mia vita a credere che possono scrivere dei testi per delle canzoni. Quindi tutto quello che sto facendo oggi è merito di Freddie Mercury."

I Queen hanno ancora legioni di fans in tutto il mondo, ma ho letto che ci sono stazioni radio che non suonano più la musica di artisti che hanno più di 30anni! Questo non sembra accadere con le radio ceche, nelle quali la musica dei Queen sembra avere sempre un posto speciale per molti appassionati di musica.
"Una delle ragioni per cui mi sono trasferito nella Repubblica Ceca è a causa degli atteggiamenti della gente rispetto alla musica. In Gran Bretagna è molto ristretta. La gente, soprattutto i giovani, ascoltano solo ciò che viene detto loro di ascoltare. Hanno Mtv e stanno incollati a quella e credono che sia tutto lì. Qui, lo so, dopo aver incontrato un paio di volte Karel Gott, le persone ascoltano dall'età di 9 e fino ai 90 anni! In Inghilterra questo non accade. Qui nelle scuole ai bambini vengono insegnate cose su Janecek, Dvorak, Smetana, a differenza di ciò che accade in Gran Bretagna. Le persone qui sono pronte ad aprire le loro menti alla musica. Per quanto riguarda i Queen, sono così ben voluti perché la loro musica è veramente senza tempo . Se si ascolta oggi la loro musica è ancora fresca come 40 anni fa quando hanno cominciato. E' ancora fresca come lo era allora."

(Fonte:Radio_Prague)


@Last_Horizon

Commenti